Viaggio tra le bellezze dell’Irpinia, terra ricca di storia e tradizioni

Viaggio tra le bellezze dell’Irpinia, terra ricca di storia e tradizioni

Cari amici di Scopriviaggi.com, oggi vi porteremo alla scoperta di borghi e bellezze di un territorio della nostra Italia e della Campania….Nel cuore della Campania, dove gli splendidi panorami marini lasciano il posto alle verdi colline, si snoda l’affascinante regione dell’Irpinia. Questo è un territorio ricco di bellezze sorprendenti, un ampio altipiano punteggiato da aspri rilievi che fanno da cornice a piccoli borghi dove il tempo sembra essersi fermato. A rendere unico il suo paesaggio è, naturalmente, la rigogliosa natura che tutto immerge: non è un caso che la chiamino la verde Irpinia. Partiamo dunque per un viaggio alla scoperta delle sue più affascinanti meraviglie.

Le suggestive stradine di Mercogliano

A pochi passi da Avellino, cuore delle verdi vallate dell’Irpinia, possiamo ammirare il piccolo paese di Mercogliano. Le sue strette viuzze acciottolate offrono panorami bellissimi che vi lasceranno senza fiato. È impossibile non rimanere affascinati, in particolare, dal borgo medievale di Capocastello: attraversata l’antica Porta dei Santi, sembrerà di essere approdati in un mondo completamente diverso, in un viaggio indietro nel tempo.

Scorcio di Mercogliano

L’antico castello di Tufo

Un altro luogo decisamente suggestivo è il borgo di Tufo, che prende il nome dalle riserve della preziosa roccia vulcanica che arricchisce il sottosuolo. È soprattutto il suo castello ad essere caratteristico: sviluppato in una posizione strategica, è stato per tanti secoli il nucleo del piccolo centro abitato che vi sorse attorno. Il paesaggio delle colline circostanti è quello dei vigneti che hanno reso queste terre così famose, per la produzione del rinomato vino bianco Greco di Tufo.

Il Castello nel Borgo di Tufo

Il borgo-gioiello di Gesualdo

Arrampicato su una collina dell’Irpinia centrale, il borgo di Gesualdo è dominato dall’imponente castello che fa ombra al piccolo centro storico. La fortezza risale alla metà del VII secolo e, nonostante sia stato danneggiato dal terremoto che ha devastato questa regione nel 1980, oggi si presenta in ottime condizioni grazie ad un’importante opera di restauro. Il borgo, invece, è un gioiellino di architettura urbana che, nei decenni scorsi, è stato preso ad esempio proprio dall’Università Federico II di Napoli come modello di studio.

Borgo di Gesualdo

Avella e le sue splendide grotte

Il paesino di Avella è invece situato in un’ampia conca, circondato dalle vette dell’Appennino Campano. Nelle sue vicinanze, formatasi a seguito di fenomeni carsici, possiamo trovare la grotta delle Camerelle di Pianura, tappa imperdibile di un itinerario speleologico. Molto affascinante, infine, è il castello – o ciò che ne rimane – che domina dall’alto il centro storico di Avella. La roccaforte longobarda, eretta nel VII secolo, era circondata da ben due cinte murarie, di cui ancora oggi possiamo ammirare i resti lungo le pendici della collina.

Veduta di Avella

Il lago Laceno, paradiso tra le montagne

In Irpinia c’è anche una famosa località sciistica, che presenta una particolarità incredibile: sull’altopiano di Laceno si può infatti sciare ammirando il panorama del mar Tirreno, dal momento che l’occhio, nelle giornate più limpide, riesce a spingersi fino al Golfo di Salerno. Anche il lago Laceno, a pochi passi dall’omonimo centro abitato, regala una bellissima vista. Qui attorno ci sono bellissimi prati verdi, che talvolta (quando non è ancora troppo freddo) offrono un contrasto meraviglioso con il bianco delle cime innevate.

Lago di Laceno

I suggestivi colori di Calitri

Sembra un dipinto dai suggestivi colori, mentre in realtà si tratta di un delizioso borgo arroccato sulle pendici di una collina. Stiamo parlando di Calitri, piccolo centro storico dal grandissimo fascino. Lungo le sue viuzze tortuose si affacciano splendidi palazzi antichi, come il meraviglioso Palazzo Zampaglione. E sulla cima, a fare ombra al paesino, potrete ammirare il Borgo Castello e i resti medievali delle fortificazioni normanne ed angioine.

I colori vivaci di Calitri

L’Abbazia del Goleto, a Sant’Angelo dei Lombardi

A Sant’Angelo dei Lombardi, le lancette sembrano essersi fermate molti secoli fa. Nel suo centro storico spicca, bella come non mai, la Cattedrale di origine normanna, ma anche l’antico castello medievale. È a pochi passi dal borgo, tuttavia, che si può ammirare un capolavoro dell’arte romanica, l’Abbazia del Goleto. Il complesso di edifici, risalente al XII secolo, è oggi in parte ridotto in ruderi, ma ciò che ne resta è a dir poco spettacolare.

Abbazia del Goleto

Il sito archeologico di Aeclanum

Un altro sito storico di grande importanza  il Parco Archeologico di Aeclanum, che sorge in un pianoro dove tanto tempo fa era situata un’antica città romana. I resti di quell’insediamento sono un’occasione imperdibile per conoscere meglio una delle civiltà più importanti del nostro passato. Potrete ammirare le terme pubbliche, le cui rovine si stagliano dall’alto di una piccola collina, e una bellissima domus romana al cui interno conservava pregevoli reperti in terracotta.

Il Parco Archeologico di Aeclanum

Il castello di Ariano Irpino e i suoi giardini

È impossibile non rimanere colpiti dall’armonia che sprigiona il borgo di Ariano Irpino, che si dipana lungo i versanti di una dolce collina. Sulla vetta, ecco il magnifico panorama offerto dal castello normanno, bellissima costruzione fortificata risalente all’epoca longobarda. Oggi il castello accoglie, al suo interno, il Museo della civiltà normanna. I suoi giardini sono invece stati trasformati in un parco pubblico conosciuto come villa comunale.

Il Castello ed i giardini di Ariano Irpino

La cascata dell’Oasi Valle della Caccia

Concludiamo questo fantastico viaggio con un panorama da sogno: quello della cascata formata dal fiume Acquabianca, all’interno dell’Oasi naturale Valle della Caccia. Il parco sorge a poca distanza da Senerchia, ed è la meta perfetta per chi vuole concedersi una passeggiata nella natura. Dall’ingresso dell’Oasi si dipana un sentiero che, attraversando la valle dell’Acquabianca, vi porterà alla scoperta delle sue bellezze.

Carissimi amici e fun di Scopriviaggi.com, speriamo vivamente che questo piccolo tour tra le bellezze nascoste dell’Irpinia abbia stuzzicato la Vostra fantasia…e nell’attesa di altre scoperte vi auguriamo BUON VIAGGIO!!!!!

GulyScopr.1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Instagram