Sardegna: GROTTE DI NETTUNO: UNA MERAVIGLIA NATA DUE MILIONI DI ANNI FA.

Sardegna: GROTTE DI NETTUNO: UNA MERAVIGLIA NATA DUE MILIONI DI ANNI FA.

Bentrovati da Scopriviaggio.com, oggi torneremo in Sardegna nelle zone della Maddalena per scoprire assieme un altro luogo unico e ricco di fascino che siamo sicuri che vi affascinerà.

Se avete programmato la vostra vacanza in Sardegna, dovete assolutamente programmare una gita alle “Grotte di Nettuno”: un vero e proprio tesoro naturale generato più di due milioni di anni fa.

Vennero scoperte, per la prima volta da un pescatore nel XVIII secolo, e da allora, divennero subito un’attrazione per gli occhi curiosi dei turisti provenienti da tutto il Mondo.

Fanno parte dell’Area marina protetta di Capo Caccia-isola Piana, all’interno del parco di Porto Conte.

Se non siete convinti, potete farvi un’idea della loro bellezza guardando foto e video su internet ma fidatevi: dal vivo sono tutta un’altra cosa ed è praticamente impossibile non restarne affascinati. Oltre ad essere antiche, sono anche le più grandi della Sardegna e si estendono per circa 4 chilometri.

Cosa vedere nelle Grotte di Nettuno?

Una volta arrivati alle grotte, potrete ammirarle nella loro completezza e maestosità ma potrete vedere anche un’altra meraviglia: un enorme lago sotterraneo.

L’ingresso è totalmente coperto dalla ricca vegetazione soprattutto per la presenza di stalattiti e stalagmiti. Percorrendo un percorso delineato dalla presenza di nove colonne, potrete raggiungere il famoso lago La Mormora.

Al centro, troviamo l’acquasantiera: una monumentale stalagmite che ospita delle vaschette fondamentali per gli uccelli, che risiedono in queste vicinanze, perché diventano fonte di acqua e, quindi, di vita per loro.

Molto caratteristico è anche il fondo del lago, caratterizzato da una stalagmite che, per la sua forma, è definita “Albero di Natale”.

Da questo punto è possibile imboccare una stradina in discesa e raggiungere la sala delle rovine e la sala della Reggia caratterizzate dalla presenza di una colonna di 18 metri che si eleva fino alla volta, formando due arcate molto maestose e particolari.

A questa segue la sala Smith, dedicata all’omonimo capitano che è stato uno dei primi esploratori delle Grotte di Nettuno.

Il percorso ha fine con la tribuna della musica, una vera e propria balconata che si affaccia sul paesaggio appena descritto.

Le Grotte sono state anche utilizzate per un set cinematografico: nel 1978, infatti, è stato girato ‘L’isola degli uomini pesce’.

Come raggiungere le Grotte di Nettuno?

A questo punto vi starete chiedendo: come raggiungere questo tesoro naturalistico?

Si possono raggiungere via terra, quindi con la macchina guidando in direzione Alghero; una volta arrivati (vi consigliamo una bella visita al porto ed alle caratteristiche viette della città), si percorre la strada in direzione Fertilia, seguendo le indicazioni per Capo Caccia e Porto Conte.

In alternativa, potete arrivare via mare con una gita organizzata in partenza dal porto di Alghero, per una visita sicuramente più suggestiva e a contatto con la natura.

Noi di Scopriviaggi.com speriamo di avervi incuriosito un pò con la visita virtuale a questa bellissima bellezza naturalistica…non ci resta che augurarvi BUON VIAGGIO!!!!

GulyScopr.1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Instagram