Le Cascate del Niagara….la bellezza della forza della natura

Le Cascate del Niagara….la bellezza della forza della natura

Buongiorno a tutti gli amici di Scopriviaggi.com,

oggi vi porteremo in un posto fantastico dove la forza della natura mostra tutta la sua maestosità: Le CASCATE DEL NIAGARA….

Si tratta di uno degli spettacoli più imponenti al mondo, non chè delle una delle mete più gettonate degli Stati Uniti.

Formate dal fiume che che ad esse da il nome si trovano a circa metà strada del suo percorso, lungo il confine tra Canada e Stati Uniti, e sono il risultato del ritiro verso nord dei ghiacciai.

Il salto è di circa 50 metri, con una portata davvero imponente.

Lo scioglimento del complesso del ghiaccio portò generò dapprima il lago Superiore e il fiume Niagara, poi in seguito allo spostamento apparvero affioramenti rocciosi,  detriti, sbarramenti,  che crearono altri canali e canaletti tributari del corso d’acqua principale.

Nel pieno di questo stravolgimento orografico il Niagara incontrò nel suo percorso dall’Erie all’Ontario alcune formazioni rocciose marine piuttosto dure, che ebbe difficoltà ad erodere;

L’incontro a livello inferiore di una roccia più tenera, che invece era erosa con facilità, ha provocato una differenza di portata d’acqua che ha così generato il salto.

Le cascate sono effettivamente tre: sul lato Canadese prende il nome di Horseshoe Falls (ferro di cavallo), ed è largo circa 800 metri, sul lato statunitense le cascate sono note come Americans Falls e misurano 323 metri di larghezza. Infine , sempre nel lato degli Stati Uniti vi sono le più modeste Bridal Veils Falls (velo nuziale).

Le cascate canadesi e statunitensi sono tra loro separate dalla Goat Island (Isola delle capre), ma la percezione è quella di una unica grande cascata.

La sequenza dei gruppi di cascata si deve alla continua azione erosiva delle acque, responsabile anche del loro arretrare fino al luogo attuale.

Oggi menti di ingegneria idraulica stanno studiando il fenomeno erosivo e di arretramento, per evitare che questo accada nel breve termine; le cascate infatti continuano la loro opera di arretramento che dovrebbe portarle, in termini geologicamente brevi fino al lago Erie.

La portata delle loro acque è ampiamente utilizzata per produrre energia elettrica.

Il Niagara è navigabile a monte e a valle delle cascate utilizzando il canale Welland, che unisce i due laghi Erie e Ontario, ristrutturato nel 1960 ed inserito nella rete navigabile del San Lorenzo.

Il modo più entusiasmante per lasciarsi trasportare dalla straordinarietà del fenomeno naturale è sicuramente quello di effettuare una gita a bordo del Maid of the Mist che permette di immergersi nel cuore del brivido, ma se la prospettiva di trovarsi su un battello ai piedi delle cascate non convince, una emozione simile la si riceve dalle piazzole della terrazza di Table Rock, sul lato canadese, in grado di garantire vedute spettacolari.

Frequentatissimo è anche il Queen Victoria Park, che con i suoi viali alberati segue la riva del fiume per circa un chilometro fino al Rainbow Bridge che collega Canada e Stati Uniti.

Dalla Minolta Tower e dalla Skylon Tower si ha invece una visione dall’alto dell’acqua che precipita ed è incredibile soprattutto la sera quando lo spettacolo naturale è messo in risalto dall’illuminazione. Il modo sicuramente più costoso ma anche il più emozionante e panoramico per osservare la Niagara Falls è di sorvolarle in elicottero e scendere fino alla gola sottostante. Solo in questo modo forse si ha l’esatta percezione dell’immensa massa acquea che si muove.

Poco a valle il fiume si stringe in un canyon e da luogo a rapide visibili attraverso un percorso chiamato Great Gorge Adventur, ma anche dall’alto della Spanish Aerocar, una funivia a percorso orizzontale che all’altezza di 76 metri fa la spola da una riva all’altra proprio sopra il grande Whirlpool (vortice).

Il Rainbow Bridge (Ponte dell’Arcobaleno) collega Stati Uniti e Canada e costituisce il principale attraversamento per il lato statunitense delle cascate, assai meno spettacolare, i cui principali punti di osservazione sono Prospect Point, l’Observation Tower, Green Island posta al centro delle rapide davanti all’American Falls,  Goat Island che divide il lato canadese da quello americano, Luna Island e la Cave of the winds, dove grazie ad alcune passarelle si arriva vicinissimi alla massa d’acqua.

Beh, nostri affezionati viaggiatori, ora non vi resta che preparare le valige, mettervi dentro i vostri desideri e passare dalla Vostra agenzia di fiducia per realizzare un sogno in realtà….ammirare e vivere le stupende ed inimitabili Cascate del Niagara!!!!

Buon viaggio e alla prossima scoperta dallo staff di Scopriviaggi.com

GulyScopr.1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *